Passa al contenuto principale

Mentre le biciclette elettriche aumentano di popolarità in tutto il mondo, è pertinente per tutti gli appassionati europei conoscere le leggi sulle biciclette elettriche in Europa!

Le biciclette elettriche forniscono la soluzione a due grandi problemi che l’umanità deve affrontare oggi: la rapida urbanizzazione e il cambiamento climatico. Le biciclette elettriche non solo aiutano a gestire la congestione del traffico, ma sono anche estremamente ecologiche.

Diversi paesi hanno leggi diverse sull’uso delle e-bike. Mentre alcuni luoghi sono molto indulgenti e accoglienti, altri hanno requisiti rigorosi. Uno di questi è l’Unione Europea.

Se vuoi saperne di più sulle leggi sulle e-bike in Europa, ecco la tua guida definitiva!

Cos’è una bicicletta elettrica? – La definizione europea

Diverse parti del mondo non solo hanno diverse leggi sulle e-bike, ma anche diverse definizioni di ciò che si classifica come una e-bike. Secondo il ,European Union directive 2002/24EC, un EPAC (Electrically Pedal Assisted Cycle) deve:

  • Avere un motore ausiliario con una potenza continua di non più di 250 watt.
  • Tagliare progressivamente l’assistenza del motore quando il ciclista raggiunge una velocità di 25 km/h o smette di pedalare.

In sostanza, qualsiasi e-bike che corrisponde alla descrizione di cui sopra è esentata dall’omologazione. Come per tutte le direttive dell’Unione Europea, i paesi membri devono mettere in atto questi requisiti rendendoli parte della loro legislazione nazionale.

Un altro dettaglio degno di nota è che nel 2016, la direttiva citata è stata abrogata dalla 168/2013 regolamento.Tuttavia, le modifiche apportate non sono state così significative, e la definizione rimane più o meno la stessa.

Avendo coperto come una e-bike è definita dall’UE, è il momento di saltare nelle diverse classi di e-bike nei paesi europei.

e-bike laws in Europe

Diverse classi di biciclette elettriche nell’UE

Mentre ci può essere un conflitto storico su chi ha inventato esattamente la prima bicicletta spinta da un essere umano, la maggior parte delle dita puntano all’Europa. Molti progressi nell’industria delle e-bike sono stati fatti da allora, il che è una ragione in più per classificare le e-bike in diverse categorie.

L’Europa ha quattro classi tecniche di e-bike, e ci sono diverse leggi di e-bike in Europa relative alle diverse categorie. Vediamo quali sono.

In primo luogo, ci sono i cicli elettrici L1e-A. Queste possono avere una potenza massima del motore di 1000 watt e una velocità massima di 25 km/h. I veicoli L1e-A hanno sia la pedalata che l’accelerazione assistita. Inoltre, possono avere da 2 a 4 ruote e sono conosciuti come cicli di potenza.

Poi abbiamo i veicoli L1e-B. La potenza massima di questi cicli elettrici è di 4000 watt, mentre la velocità massima consentita è di 45 km/h. I cicli L1e-B, o ciclomotori, hanno solo la pedalata assistita e al massimo 2 ruote.

Le ultime due classi sono L2e e L6e. La differenza tra i cicli L2e e L1e-B è che i primi possono avere fino a 3 ruote, da cui il nome, ciclomotori a tre ruote. Allo stesso modo, i veicoli L6e o quadricicli leggeri, hanno 4 ruote in totale. Il resto delle specifiche come la potenza massima e la velocità massima sono le stesse.

In breve, l’Unione europea ha proposto quattro classi diverse per le e-bike. Queste classi, quindi, hanno le loro proprie leggi sulle e-bike in Europa che sono implementate nei paesi che sono membri dell’UE.

Requisiti nazionali dei paesi europei

Ecco come diversi paesi europei hanno impostato le loro leggi sulle e-bike.

1. Leggi sulle biciclette elettriche in Belgio

La legislazione belga ha due leggi sulle biciclette elettriche. Queste leggi categorizzano il termine ombrello “bicicletta elettrica” in tre ulteriori sottocategorie. Essi sono i seguenti.

  • Tutte le età possono guidare le e-bike senza casco, a condizione che la potenza massima nominale sia di 250 watt e la velocità massima sia di 25 km/h. Questa categoria è chiamata semplicemente “e-bike”.
  • I cittadini di 16 anni o più possono guidare “biciclette a motore” con 1000 watt di potenza e 25 km/h di velocità massima, purché abbiano un certificato di conformità. Il casco non è obbligatorio.
  • Le “Speed Pedelecs” sono biciclette elettriche con 4000 watt di potenza massima e una velocità massima di 45 km/h. Sono classificati come ciclomotori e si applicano gli stessi requisiti.

2. Leggi sulle e-bike in Danimarca

Il parlamento danese ha ufficialmente approvato l’utilizzo di speed-pedelecs sulle piste ciclabili. Uno speed-pedelec è una e-bike con una velocità massima assistita di 45 km/h.

Nel luglio 2018 è stato deciso che i piloti di superbike devono indossare solo un casco e devono avere almeno 15 anni di età. Inoltre, i requisiti di targhe e licenze non sono più in vigore.

3. Leggi sulle e-bike in Finlandia

La legislazione finlandese regola l’uso delle e-bike limitando la velocità massima e la potenza del motore a 25 km/h e 250 watt rispettivamente.

Inoltre, il motore non deve sostituire la pedalata, ma solo assistere il ciclista nella pedalata. Inoltre, ci sono leggi di assicurazione per motori con potenze da 250 a 1000 watt.

Il regolamento UE classifica tali biciclette ad alta potenza come biciclette motorizzate L1e-A. Anche queste devono stare sotto i 25 km/h di velocità al massimo e richiedono un’assicurazione per l’uso su strade pubbliche.

Inoltre, le e-bike di classe L1e-A possono assistere il pilota senza che questi debba pedalare. Se si possiede una e-bike da 250 W che assiste senza pedalare, sarà classificata come un veicolo L1e-A.

4. Leggi sulle e-bike in Lettonia

La Lettonia è eccezionalmente indulgente con le sue leggi sulle e-bike. Non ci sono requisiti importanti, tranne che l’e-bike non deve superare una potenza di 250 W.

La legge lettone sul traffico stradale definisce una e-bike come un veicolo azionato dall’uomo che è assistito da un motore elettrico.

e-bike laws in Europe

5. Leggi sulle e-bike in Norvegia  

Anche la Norvegia non ha troppe disposizioni aggiuntive sull’uso delle e-bike. Tuttavia, ce ne sono alcune importanti per i produttori.

Il regolamento norvegese sui veicoli mette le e-bike nella stessa categoria delle biciclette normali. Non c’è alcun obbligo di licenza.

Il motore di una e-bike non deve superare una potenza di 250 watt, e la velocità assistita di una e-bike non deve superare i 20 km/h.

La potenza del motore deve essere progressivamente ridotta man mano che la bicicletta raggiunge la velocità massima prescritta. Tuttavia, una volta che l’assistenza del motore viene interrotta, l’e-bike è soggetta solo ai normali limiti di velocità.

6. Leggi sulle e-bike in Svezia

Simile ad altre leggi sulle e-bike in Europa, la Svezia applica le leggi ordinarie sulle biciclette alle bici elettriche, a patto che la potenza nominale del motore non superi i 250 W e che il motore non sostenga il ciclista dopo aver raggiunto una velocità di 25 km/h.

Tutti questi requisiti sono descritti nel regolamento svedese sui veicoli.

7. E-bike Laws in Switzerland 

La Svizzera, non facendo parte dell’Unione europea, ha leggi molto diverse sulle e-bike.

Per esempio, la Svizzera ha aperto la strada per liberare l’uso di biciclette elettriche ad alta velocità. Questo è stato fatto facilitando il processo di ottenere una licenza per le e-bike con una velocità massima assistita di oltre 45 km/h. È molto diverso dalle altre leggi sulle e-bike in Europa e serve come alternativa alle e-bike da 25 km/h.

Nel 2012, la Svizzera ha aggiornato le sue leggi sulle e-bike. Da allora, le biciclette elettriche assistite sono classificate come “biciclette elettriche leggere”, purché la loro potenza massima sia inferiore a 500 watt.

La velocità massima consentita di queste biciclette è di 25 km/h se il ciclista pedala, mentre il solo motore può assistere il ciclista solo fino a 20 km/h.

8. Leggi sulle biciclette elettriche in Turchia

Sebbene non sia completamente presente in Europa e non faccia parte dell’UE, anche la Turchia merita di essere menzionata qui a causa di alcuni dei suoi territori che sono presenti nella penisola europea.

La Turchia classifica le e-bike come le biciclette ordinarie, tranne che il motore della e-bike può avere solo una potenza massima di 250 W e l’assistenza viene interrotta a 25 km/h.

Inoltre, se il ciclista smette di pedalare, anche il motore deve smettere di assisterlo. Non ci sono requisiti di licenza o assicurazione, e molte città turche incoraggiano l’uso delle e-bike come soluzione ai problemi di traffico e ambientali.

9. Leggi sulle e-bike nel Regno Unito

Le leggi sulle e-bike nel Regno Unito non sono molto diverse dalle altre leggi sulle e-bike in Europa. Una velocità massima di 25 km/h e una potenza del motore di 250 watt sono obbligatori.

Inoltre, il peso massimo della bicicletta non deve superare i 30 kg. Inoltre, bisogna avere più di 14 anni per poter guidare legalmente una e-bike.

10. Leggi sulle e-bike in Russia

We’re covering Russia for the same reasons we covered Turkey!

Russia allows great freedom to e-bike riders. The only major restriction is that motor power stays 250 watts at maximum. 

Other than that, riders can operate their e-bikes freely on bike lanes and cycle paths. Where there are none of these two options available, you can ride on sidewalks and pedestrian paths.

11. E-bike Laws in Germany

La Germania ha fatto diversi passi nella direzione di permettere la mobilità elettrica nel corso degli anni.

Le biciclette elettriche rientrano nella categoria dei veicoli elettrici leggeri personali. Queste sono limitate a una velocità massima di 20 km/h, ma si può andare più veloce se si ha un casco.

L’assicurazione e le targhe sono necessarie. La potenza massima del motore è di 500 watt per le e-bike. Inoltre, i guidatori di e-bike devono usare le piste ciclabili a meno che non ce ne siano, nel qual caso sono autorizzati a guidare sulle strade.

12. Leggi sulle e-bike in Francia

La Francia fissa la velocità massima legale assistita di una e-bike a 25 km/h. C’è anche un’altra categoria speciale di e-bike, chiamata “speed pedelecs”, che può raggiungere i 45 km/h.

Nel complesso, i tecnicismi legali per possedere e usare una e-bike in Francia possono essere piuttosto opprimenti. Devi anche presentare la tua autorizzazione fiscale e assicurarti che il produttore della e-bike sia in Europa.

e-bike laws in Europe

13. Leggi sulle e-bike in Italia

L’Italia permette alle e-bike di avere una velocità massima di 25 km/h sulle strade principali, mentre devono rimanere sotto i 6 km/h sui percorsi pedonali. La potenza massima consentita del motore è di 500 W.

Bisogna avere 14 anni o più per guidare una e-bike, e un casco è obbligatorio per i piloti tra i 14-18 anni. La patente o l’assicurazione non sono obbligatorie.

14. Leggi sulle e-bike in Spagna

La legislazione spagnola, come la maggior parte degli altri paesi di questa lista, limita la velocità massima a 25 km/h e una potenza massima del motore di 250 W. I ciclisti non possono utilizzare le loro e-bike sui marciapiedi, e saranno soggetti a una multa se vengono trovati a farlo.

Inoltre, devi avere un certificato di circolazione che ti viene fornito dal produttore della tua e-bike. La patente o l’assicurazione non sono obbligatorie.

Infine, le autorità incoraggiano l’uso del casco – anche se non è obbligatorio. Lo stesso vale per l’uso di un giubbotto riflettente per proteggersi sulla strada.

15. Leggi sulle biciclette elettriche in Irlanda

Il governo irlandese non ha ancora regolamentato ufficialmente l’uso delle e-bike, ma sono state fatte dichiarazioni dal ministro dei trasporti Eamon Ryan.

Le leggi sulle e-bike di prossima pubblicazione probabilmente non avranno alcun requisito di assicurazione o licenza. Tuttavia, l’età minima consigliata è di 16 anni, e i caschi sono obbligatori per le persone tra i 16-18 anni.

Inoltre, la guida sui sentieri è completamente vietata e la velocità massima a motore è fissata a 25 km/h. In breve, un nuovo quadro giuridico sta per essere stabilito specificamente per regolare l’uso di e-bike ed e-scooter in Irlanda molto presto.

16. Leggi sulle e-bike in Austria

La legislazione austriaca ha una definizione particolare per i Pedelecs, e le stesse leggi valgono anche per le e-bikes, purché corrispondano alla descrizione. Il motore elettrico deve assistere il ciclista fino a raggiungere la velocità di 25 km/h.

Casco e assicurazione non sono obbligatori. Quindi, la maggior parte delle leggi sulle e-bike in Europa sono le stesse anche in Austria.

Regole generali per le E-Bike in Europa

Dopo aver visto come i diversi paesi europei gestiscono le e-bike, ecco una panoramica della buona condotta generale per i piloti di e-bike.

  • Resta sul lato destro della strada, preferibilmente una carreggiata o una corsia ciclabile se disponibile.
  • Nel Regno Unito o in Irlanda, mantenere la sinistra è obbligatorio.
  • Usa i segnali manuali per indicare le tue svolte agli altri veicoli.
  • Tenere sempre almeno una mano sul manubrio.
  • Usa le piste ciclabili quando sono presenti.
  • Se non ce ne sono, il tuo paese deve avere leggi designate per dove dovresti invece pedalare.
  • Non spingere o trainare alcun oggetto con la tua e-bike.
  • Se stai camminando con la tua e-bike a piedi, sei un pedone.
  • Questo significa che puoi usare il marciapiede se necessario.

In Conclusione

In questa guida, abbiamo cercato di coprire brevemente tutto quello che c’è da sapere sulle leggi sulle e-bike in Europa – incluso cosa conta come una e-bike, quali sono le diverse classi di e-bike, i diversi requisiti nazionali, e infine alcune disposizioni di buona condotta.

Spero che sia stato informativo per te leggere! Guarda la nostra gamma di e-bike qui.

Lascia una risposta